Queimada - Brand Care è la società di comunicazione e marketing che fornisce servizi di design, editoria, web, video, eventi e formazione, dalla semplice consulenza alla definizione di piani strategici completi.
Brand Care magazine mette in contatto business e ricerca per informarti e produrre innovazione.
Connettere idee e creare strategie è la nostra passione, oltre che il nostro lavoro.


Tra serialità e videogioco

Da Little Big Planet – Il videogioco creato dagli utenti di Francesca Comunello e Simone Mulargia (p. 94 di Brand Care magazine n° 004): le considerazioni di premessa di Simone Mulargia.

via

“Se la serialità la fa il pubblico e non è incorporata nei testi, lavorando in questa direzione, si osserva con interesse produzioni che non si occupano di un contenuto, ma prediligono la creazione di un ambiente.

L’esempio di Romanzo Criminale funziona molto bene.
In casi come questo si crea un ambiente e si offre, attraverso l’utilizzo di piattaforme differenti, la possibilità all’utente di fruire non tanto di un contenuto, quanto piuttosto di un’atmosfera, della possibilità di fare esperienze trasversali rispetto ai “testi” canonici, attivandoli su piattaforme molto differenti.

A partire da un film , a partire da una fiction di successo, molto spesso germogliano produzioni, legate per esempio, al mondo dei videogiochi, in cui l’utente riconosce degli elementi di alfabetizzazione, come la serializzaione e il genere, di vicinanza al testo originale, che gli servono a crearsi delle aspettative e fanno quasi da interfaccia nei confronti del contenuto, ma che in tale contesto vengono “vissuti” e percepiti in maniera del tutto diversa.

Esempio classico: videogioco in 3D.
La casa di produzione lascia il codice sorgente, quindi consente agli utenti di utilizzare il motore grafico. Gli utenti prendono il motore grafico e “cuciono addosso” ai modelli ciò che in termini tecnici si chiama texture, skin, di personaggi appartenenti ad alcune serie TV. In questo modo la serialità si “sporca” mentre viene diffusa, si polverizza fino a diventare proprio un ambiente, qualcosa che va vissuto, che va agito, più che un consumo o un oggetto di cui ci si debba appropriare.”

Leggi il resto dell’articolo su Brand Care magazine n° 004 e approfondisci anche qui e qui!
Per abbonarti e ricevere una copia cartacea di BCm puoi utilizzare il
form a p. 6 (che presto sarà inserito anche sul sito) o richiedere informazioni scrivendo a abbonamenti@brandcaremagazine.com.

  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Netvibes
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Wikio FR
  • Wikio IT
  • Yahoo! Bookmarks
  • Yahoo! Buzz

Posted on: mercoledì, marzo 24th, 2010 by redazione

Categorie: Brand Care online | Comunicazione | Creatività | Culture | News | Tecnologie & Web.

Tags: | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |

Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.
Trackback this entry from your own site.

Leave a comment!

Name (required)
Mail (will NOT be published)(required)
Website (optional)

[...] in forma breve: Sensualità a Corte – ShortCut production e i capolavori di Maccio Capatonda – Tra serialità e videogioco – Lie to me, la verità fa male – Ancora idee sulla serialità – Infinite Jest e i Tenenbaum – Da [...]

[...] virtuale” per Xbox 360 – Pac-Man, Tetris e il modernariato digitale di Guillaume Reymond – Tra serialità e videogioco – Donkey Kong e il Computer Game Museum di [...]

[...] in forma breve: Sensualità a Corte – ShortCut production e i capolavori di Maccio Capatonda – Tra serialità e videogioco – Lie to me, la verità fa male – Ancora idee sulla serialità – Infinite Jest e i Tenenbaum – Da [...]

[...] di prova e non, comprenderà alcuni tra i pezzi più pregiati e più significativi della storia del videogioco. Gli ospiti della manifestazione avranno infatti l’opportunità non solo di ammirare dei veri e [...]