Queimada - Brand Care è la società di comunicazione e marketing che fornisce servizi di design, editoria, web, video, eventi e formazione, dalla semplice consulenza alla definizione di piani strategici completi.
Brand Care magazine mette in contatto business e ricerca per informarti e produrre innovazione.
Connettere idee e creare strategie è la nostra passione, oltre che il nostro lavoro.


I brand su Twitter: 9 casi di successo (e 9 insegnamenti)

Tutte le aziende vanno su Facebook, creano pagine e cercano “like”. Ma forse è arrivato il momento di ragionare sulle best practice di Twitter: 300 milioni di utenti e tanti spazi in cui potersi inserire. Il CEO di una nota società di social media leveraging lo ha fatto.

Brand e social network. Un binomio che nell’ultimo periodo sembra rappresentare la strada maestra per utenti e investitori, trasformando clienti, produttori, fornitori e – in generale – stakeholder in community che si raccolgono in modo informale e fluido intorno a servizi, merci e tendenze culturali e di mercato.

Senz’altro la piattaforma più frequentata dai brand è Facebook (e in Italia ne sappiamo qualcosa), tanto che ultimamente sono state codificate varie strategie di posizionamento istituzionale su “Faccialibro”, e gli attori di mercato sembrano essere sempre più consapevoli riguardo al tipo di reputation a cui devono puntare.

Le stesse organizzazioni che sono arrivate ad avere un seguito discreto (o buono) sul social di Zuckerberg, però, molto spesso riscontrano difficoltà evidenti su Twitter. A volte si tratta di scelte comunicative, in altri casi è, inutile negarlo, è la scarsa conoscenza del mezzo a generare le falle, soprattutto perché Twitter si caratterizza per toni comunicativi ed etichette differenti rispetto al suo principale “competitor”.

Ad ogni modo il fenomeno-Twitter non è più trascurabile neanche per il settore enterprise, anche perché parliamo di una comunità cheLikeable ormai conta più di 300milioni di users (più o meno attivi) in tutto il mondo. Per questo Dave Kerpen, CEO di, ha stilato per Mashable una lista di nove realtà produttive che cinguettano con successo. Ad ogni case history riportata il manager ha associato una massima, un “insegnamento”, creando un vademecum che può rivelarsi utile a chiunque volesse rafforzare la propria presenza sul mezzo.

1) Jetblue, che si occupa di trasporti aerei, ci insegna che è buona norma mostrarsi disponibili e propositivi ai propri clienti, anche e soprattutto nel momento in cui si provoca loro un disagio;

2) Starbucks si distingue per il tono positivo e giocoso dei propri tweet;

3) Vevo utilizza una buona strategia di engagement coinvolgendo le celebrità;

4) Charlotte Russe invia un DM (Direct Message) di benvenuto ai suoi nuovi follower con annessa un’offerta;

5) Bergdorf Goodman, molto intelligentemente, nei suoi tweet parla di tendenze e lifestyle, più che di se stessa (modestamente, anche noi di BCo abbiamo fatto questa scelta sin dal primo momento :) );

6) Taco Bell dimostra lealtà e cortesia nei confronti dei propri follower, evitando di ignorare i loro commenti negativi;

7) Delta è disponibile attraverso il proprio account Twitter 24 ore al giorno, perché i clienti non consumano soltanto durante l’orario di lavoro;

8) Dunkin’ Donuts ha trasformato il suo account in un vero e proprio luogo di divertimento, allietando i propri followers con giochi, scherzi e premi;

9) infine, l’atteggiamento di Cisco System è molto apprezzabile per la sua tendenza a “mischiarsi” con gli altri utenti nelle discussioni, assecondando i thread e gli hashtag del momento.

Via Mashable.

  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Netvibes
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Wikio FR
  • Wikio IT
  • Yahoo! Bookmarks
  • Yahoo! Buzz

Posted on: lunedì, giugno 13th, 2011 by vincenzo bernabei

Categorie: Brand | Business | Culture | Marketing | News | Tecnologie & Web.

Tags: | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |

Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.
Trackback this entry from your own site.

Leave a comment!

Name (required)
Mail (will NOT be published)(required)
Website (optional)

[...] Twitter è sempre di più oggetto di attenzione da parte degli utenti, delle star e degli stessi sviluppatori, che proprio in questi giorni – come noto – ne hanno rilasciato una nuova versione. Si tratta di un mezzo social sui generis, molto versatile, che si presta a varie reinterpretazioni e a connettere molti aspetti della vita, tra cui l’arte. [...]

[...] usando al meglio i social network? Ecco come. – Costruire itinerari turistici con SpotWorld – I brand su Twitter: 9 casi di successo (e 9 insegnamenti) – Instagram, Warhol e ReallyVirtual – Ecco quanto vale il “fattore internet” in Italia – [...]

[...] aggiunto rispetto ai tanti concorrenti che puntano a rosicchiare spazio ad Apple, e cioè la buona reputation connessa al marchio Amazon, che in alcuni mercati rappresenta un vero e proprio passepartout, [...]

[...] che usa codici espressivi nuovi per istituire relazioni di business, agli utenti italiani di Twitter che, come scrive il nostro amico Jovanz74, venivano al corrente dei risultati del referendum [...]