'; doc += ''; doc += '
'; winimg.document.writeln(doc); winimg.document.close(); } //]]>

Queimada - Brand Care è la società di comunicazione e marketing che fornisce servizi di design, editoria, web, video, eventi e formazione, dalla semplice consulenza alla definizione di piani strategici completi.
Brand Care magazine mette in contatto business e ricerca per informarti e produrre innovazione.
Connettere idee e creare strategie è la nostra passione, oltre che il nostro lavoro.


Smartphone: crescono Android e iOS, sempre peggio Nokia

Vi ricordate la solida egemonia di Nokia ai tempi dei telefonini di vecchia generazione? Ebbene, con l’irresistibile ascesa degli smartphone gli equilibri sono completamente cambiati, con il solito Google a fare la diferenza.

In una recente ricerca la società specializzata Canalys ha evidenziato come Android sia ormai istallato sulla metà degli smartphone di tutto il mondo, sbaragliando la concorrenza soprattutto nell’area Asia-Pacifico. Più precisamente, il sistema operativo acquisito da da Google sei anni or sono primeggia in 35 dei 56 mercati nazionali tracciati da Canalys, raggiungendo una quota di mercato pari al 48%, grazie anche alle partnership con i vari HTC, LG, Motorola e Samsung.

Nel complesso anche Apple fa una bella figura, considerando che l’iOS ha raggiunto una quota di mercato del 19%, superando la concorrenza della sofferente Nokia (leader del settore mobile fino a qualche tempo fa) e posizionandosi al secondo posto, seppur ben lontana dalla creatura Google. C’è da precisare che il sistema operativo di Cupertino si lega di fatto esclusivamente agli hardware Apple (iPhone), dunque il secondo piazzamento in questione nasconde in realtà un vero e proprio successo commerciale: più di 20milioni di iPhone venduti per Jobs.

Tornando a Nokia, malinconicamente la casa finlandese continua a vivere una crisi di innovazione che la tiene inchiodata rispetto ai competitor. Superata nella quota di mercato anche da Samsung, il gigante cerca di ricavarsi una nicchia solida tra le potenze emergenti, come Brasile, Russia, Cina e India. Le sue maggiori speranze sembrano concentrarsi intorno al Nokia Windows Phone, un prodotto che in ogni caso non vedrà la luce prima della fine dell’anno, e che peraltro già suscita parecchi dubbi tra gli addetti ai lavori, come testimoniano i frequenti e preoccupanti scivoloni di borsa.

  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Netvibes
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Wikio FR
  • Wikio IT
  • Yahoo! Bookmarks
  • Yahoo! Buzz

Posted on: mercoledì, agosto 3rd, 2011 by vincenzo bernabei

Categorie: Brand | Business | Comunicazione | News | Tecnologie & Web.

Tags: | | | | | | | | | | | | | |

Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.
Trackback this entry from your own site.

Leave a comment!

Name (required)
Mail (will NOT be published)(required)
Website (optional)

[...] Nokia ha appena lanciato un contest per arrivare al concept della sua nuova suoneria di default. Dopo 17 anni la società scandinava manda in pensione il celebre brano di Francisco Tarrega e cerca di ricreare un fandom intorno al proprio brand un po’ sbiadito. [...]