'; doc += ''; doc += '
'; winimg.document.writeln(doc); winimg.document.close(); } //]]>

Queimada - Brand Care è la società di comunicazione e marketing che fornisce servizi di design, editoria, web, video, eventi e formazione, dalla semplice consulenza alla definizione di piani strategici completi.
Brand Care magazine mette in contatto business e ricerca per informarti e produrre innovazione.
Connettere idee e creare strategie è la nostra passione, oltre che il nostro lavoro.


Gli strani effetti del vintage hi-tech

Un giovane designer americano modifica auto, telefoni e computer creando un curioso pastiche stilistico in cui vintage e hi-tech si incrociano in modo gradevole. E così tablet, tastiere, mouse e smartphone fanno rivivere vecchi accessori dimenticati, come la vecchia cornetta.

Chi ha detto che il design debba sempre essere avveniristico? woodguy32 è un artista che si diverte a coniugare tecnologia e supporti old style: dalle auto ai pc e agli smartphone la sua idea è quella di rivisitare gli oggetti del passato innervandoli con dispositivi nuovi e sofisticati.

Prendete questo vecchio telefono a disco:

Il supporto in legno e metallo ricorda da vicino gli apparecchi delle vecchie case, eppure il tasso tecnologico è molto elevato, anche perché sia la cornetta che lo smartphone possono essere usati “autonomamente” per parlare fino a 10 metri di distanza tra loro, grazie al bluetooth che li connette.

In maniera simile è concepito questo strano desktop, con uno schermo incorniciato in legno, oltre alla tastiera e al mouse rivestiti in radica di noce. Da notare la base che sostiene il monitor: sia la pietra verde con venature bianche, sia le finiture in oro ben si accostano agli accessori seriosi dell’età vittoriana.
Infine, i tasti tondi e neri ricordano le vecchie macchine per scrivere, o anche le casse dei vecchi supermarket americani che tante volte abbiamo ammirato nei film.

Il classico e il vintage continuano a ispirare gli oggetti di uso quotidiano anche nelle auto customizzate da woodguy32. In questo caso la componente retro è data quasi esclusivamente dal materiale, poiché la forma e l’ingombro degli autoveicoli – anche per questioni di funzionalità e di omologazione dei mezzi – spesso non viene modificata rispetto al modello originale. Forse non saremmo pronti a guidarle in città, ma sicuramente l’effetto è spettacolare!


  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Netvibes
  • RSS
  • StumbleUpon
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Wikio FR
  • Wikio IT
  • Yahoo! Bookmarks
  • Yahoo! Buzz

Posted on: mercoledì, settembre 14th, 2011 by redazione

Categorie: Comunicazione | Creatività | Culture | News | Tecnologie & Web.

Tags: | | | | | | | | | | | | | | |

Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.
Trackback this entry from your own site.

Leave a comment!

Name (required)
Mail (will NOT be published)(required)
Website (optional)

[...] oggetto hi-tech per la propria casa (2,1%) che può andare dal computer molto potente e possibilmente di grande [...]

[...] colori pastellati, l’atmosfera radiosa, il contesto e gli abiti vintage conferiscono ancor più eleganza e delicatezza a quest’opera audiovisiva, tanto breve quanto [...]

[...] ad ambientazioni che rimandano agli anni Settanta, prolunga con sobrietà il tratto estetico vintage tracciato negli ultimi anni dalla sua comunicazione [...]